Visualizza messaggio singolo
Vecchio 16-10-2019, 23.40.29   #1
Guisgard
Cavaliere della Tavola Rotonda
 
L'avatar di Guisgard
Cavaliere della tavola rotonda
Registrazione: 04-06-2008
Residenza: Dalla terra più nobile che sorge sotto il cielo
Messaggi: 51,815
Guisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare bene
I racconti del Bianco e del nero

I racconti del Bianco e del nero

"Moltiplicano le loro pene
quelli che corrono dietro a un dio straniero."

(Salmo 16)




Episodio I: Cacciatori di Atei



Era un vago pomeriggio d'Autunno, con le casette popolari nella periferia di Afragolopolis che si alzavano fredde e grigie, tutte intorno alle alte e cupe torrette del penitenziario di Atheus Asylum che silenzioso e spettrale si stagliava sul profilo gotico della città, contro un cielo di narcotiche ed enigmatiche nuvole alte e sottili, mentre nelle sporche strade periferiche, tra appartamenti ammassati gli uni sugli altri e scanditi numericamente dai gelidi condotti d'areazione ed aiuole usate come spartitraffico, grossi topi e gatti grassi si aggiravano fra la spazzatura agli angoli dei marciapiedi.
Dall'altra parte della strada c'era la carcassa arrugginita e tinta di pittura spray di una corvette dell'71, appoggiata sui mozzi delle ruote.
Era stata completamente saccheggiata e poi abbandonata come emblema e monumento di quei sobborghi metropolitani fatti di parcheggi, negozi di quinta categoria, campi giochi asfaltati e murales su ogni muro o serranda.
Le strade qui erano spettrali e maleodoranti di gas di scarico.
Oltre questo squallore urbano di asfalto, cemento e solitudine si vedeva il profilo nobile di Afragolopolis che sorgeva verso il cielo, con i suoi grattacieli alti e puliti che quasi toccavano le nuvole e dalle cui vetrate e finestre si riflettevano i riverberi del sole crepuscolare, in un cielo velato da inquiete nuvole.
Qui c'erano i migliori negozi, i Cinema più cari, le chiese più belle e le gallerie commerciali sempre affollate.
Ma era un altro mondo, fatto di vetro, di cristallo, di cemento e di plastica ma dai colori vivi, sgargianti, ideati per rendere gaie le giornate.
La squallida e perduta periferia serviva per rinchiudere l'Atheum Asylum, il famigerato penitenziario per crimini religiosi.
Il luogo più oscuro al mondo, l'anticamera dell'Inferno in Terra, dove oltre al dono della Fede i dannati che ne infestavano i gironi non conoscevano più neanche i diritti fondamentali di ogni uomo.



+++
__________________
AMICO TI SARO' E SOLO QUELLO... E' UN SACRO PATTO DA FRATELLO A FRATELLO

Ultima modifica di Guisgard : 14-07-2020 alle ore 15.48.07.
Guisgard non è connesso   Rispondi citando