Discussione: Spiritualità antico codice
Visualizza messaggio singolo
Vecchio 02-04-2007, 22.13.29   #11
KingArthur
Fondatore
 
L'avatar di KingArthur
Re di Camelot Cavaliere della tavola rotonda
Registrazione: 26-12-2006
Residenza: Camelot
Messaggi: 867
KingArthur di lui non si fa che parlare beneKingArthur di lui non si fa che parlare beneKingArthur di lui non si fa che parlare beneKingArthur di lui non si fa che parlare beneKingArthur di lui non si fa che parlare beneKingArthur di lui non si fa che parlare beneKingArthur di lui non si fa che parlare beneKingArthur di lui non si fa che parlare bene
Citazione:
Originalmente inviato da sir alex Visualizza messaggio
voglio farvi questa domanda, da chi è stato scritto l'antico codice?
e in base a cosa?
Molti mi hanno scritto chiedendomi dell'Antico Codice o del codice secondo cui i cavalieri medievali hanno vissuto. La verità è che non c'è nessun codice.

Sebbene non esista nessun codice "autentico", molte discussioni sui valori della cavalleria possono essere trovati negli antichi scritti di cavalieri e bardi, le fonti più autorevoli in tal senso sono Chrètien de Troyes, Ramon Lull, Geoffrey de Charny, Honoret Bonet ed altri.

Alcuni autori hanno tuttavia formulato degli ipotetici codici cavallereschi prendendo spunto da queste fonti.
L'esempio più diretto dell'antico codice e quello a cui tutti fanno riferimento ce lo fornisce nel diciannovesimo secolo lo storico Leon Gautier nel libro "Chivalry", ma in realtà si tratta di una rivisitazione dello "iuramentum fidelitatis" che i cavalieri di Carlo Magno facevano all'imperatore nell'ottavo secolo.

Essere cavalieri in definitiva significa essere marchiati dall'onore, dalla generosità e dalla cortesia, ma l'onore dev'essere alla radice. Ogni tuo pensiero, parola e azione devono essere onorevoli e il tuo nome deve essere onorato.
Questa è la mia visione della cavalleria.

__________________
KingArthur non è connesso   Rispondi citando