Visualizza messaggio singolo
Vecchio 21-06-2019, 04.55.20   #10386
Guisgard
Cavaliere della Tavola Rotonda
 
L'avatar di Guisgard
Cavaliere della tavola rotonda
Registrazione: 05-06-2008
Residenza: Dalla terra pił nobile che sorge sotto il cielo
Messaggi: 45,002
Guisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare beneGuisgard di lui non si fa che parlare bene
Nei pomeriggi d'Estate, caldi e soleggiati, quando la scuola era per fortuna una preoccupazione lontana e si era liberi dai compiti per giocare e sognare, non ci voleva poi molta fantasia per immaginare il cortile di casa, col suo alto ficus, il verde tamarindo, con il limone e l'arancio dai rami stracarichi di gemme, simile alla foresta equatoriale o alla jungla del Bengala.
Bastavano pochi amici, qualcosa da nascondere e cercare poi come il pił inestimabile dei tesori perduti, la bella compagna di classe da conquistare ed un'irrefrenabile voglia di avventura.
Bastava davvero solo questo per immaginarci negli esotici anni'30, come cadetti dell'esercito coloniale, o magari solo come avventurieri che si guadagnavano da vivere portando a zonzo i turisti col proprio piper.
Il ruolo poi da dare a lei, che fosse quello di giovane moglie di un famoso cacciatore, una ricca ereditiera o anche una principessa di qualche isola orientale.
Capita spesso di guardare oggi il cortile di casa, sotto i raggi luminosi del Sole estivo ed udire ancora le urla festanti dei miei compagni di allora, sentire il profumo delle arance e dei limoni, ricordare lo sguardo sognante della ragazzina che a quei tempi faceva battere il cuore ed ispirava giochi sempre nuovi solo per affascinarla e conquistarla.
Le sere d'Estate dalle mie parti non sono mai troppo limpide e di stelle se ne vedono spesso davvero poche, perse nella calda foschia e fra le luci accecanti della cittą.
Eppure da bambini quelle stelle potevamo vederle, forse perchč faceva meno caldo, o chissą, solo perchč sapevamo dove guardare.
Nei cartoni animati dalle stelle arrivavano principi in fuga, alieni malvagi e quasi sempre desideri da inseguire ed esaudire.
Chissą stanotte cosa mi doneranno le stelle.
Forse una nuova storia, un nuovo gioco, un desiderio grande come il cielo e tutte le sue costellazioni.
Chissą.


Buonanotte, Camelot...
__________________
AMICO TI SARO' E SOLO QUELLO... E' UN SACRO PATTO DA FRATELLO A FRATELLO
Guisgard non č connesso   Rispondi citando