Camelot, la patria della cavalleria

Camelot, la patria della cavalleria (http://www.camelot-irc.org/forum/index.php)
-   Il palazzo delle arti (http://www.camelot-irc.org/forum/forumdisplay.php?f=17)
-   -   Il Romanzo della Notte (http://www.camelot-irc.org/forum/showthread.php?t=2552)

Guisgard 13-07-2018 15.43.47

Il Romanzo della Notte
 
A quelli che amano la notte e l'oscuro avranno di certo sentito parlare del Dottor Ordifren come protagonista di avventure d'amore e mistero.
Qui verranno raccolti i suoi versi scritti e cantati come pegno per il cuore della sua Maria, musa perduta di sogni proibiti...


L'Estate è al suo colmo perduto di pascoli e Sole,
con la notte al suo meriggio oscuro e randagio.
Ogni stella vaga pallida e silente in orbite infinite ed eterne,
tra i pianeti incantati dalla lucente e fredda luce lunare.
A nulla conta fissare la gelida signora dei cieli di notti boreali che rende schiavi Giove e Marte e ritarda l'avvento di Venere.
Ha come sudario una nuvola lontana, tra l'Orsa Maggiore ed Orione splendente di miti e misteri.
E' altera ed indifferente, amante di amati ormai folli questa Luna lontana, crepuscolo dei sogni e vigilia di quella stella femminea
a cui ormai confido il tuo nome, o Maria.
Sorge adesso la stella del mattino con cui patteggio in pegno i fiori dimenticati di una notte adultera.
Il tuo raggio di luce ed aurora mi allieta, di rosato candore cangiante, tu bella ed orgogliosa ti volgi all'alba ignota ormai di sogni e giochi profani.
Ed io ammiro il tuo fuoco distante, di languidi bagliori nell'albore sfogliato di petali nascenti al nuovo giorno.
http://emanuelepunzo.netsons.org/ima...ne-660x330.jpg

Altea 13-07-2018 17.40.39

Che prezioso regalo ci fate....che meravigliose oscure e sognanti sonate direi, con questa Luna che a volte davvero sembra voltarci la faccia, o forse siamo noi che abbiamo imparato ad ignorarla.

Guisgard 13-07-2018 18.12.51

Milady, la Luna, diceva un poeta antico, è fatta di magia e come tale contempla e comprende solo il linguaggio magico della notte e dell'Amore.
Nello stesso istante in cui ci fissa indifferente ed ignora le nostre parole, muove le maree e governa il corso infinito delle stelle, in cui è scritto il nostro Destino...

Altea 13-07-2018 18.23.52

Citazione:

Originalmente inviato da Guisgard (Messaggio 121975)
Milady, la Luna, diceva un poeta antico, è fatta di magia e come tale contempla e comprende solo il linguaggio magico della notte e dell'Amore.
Nello stesso istante in cui ci fissa indifferente ed ignora le nostre parole, muove le maree e governa il corso infinito delle stelle, in cui è scritto il nostro Destino...

E' vero, la Luna è Magia e Mistero..ed è fatta pure dei sospiri degli amanti.

Guisgard 22-07-2018 00.34.36

Chi ama cerca sempre la magia di un perduto verziere in qualche isola dimenticata se non dai folli, gli unici ad essere così simili ai sognatori ed a dividere la stessa Sorte degli innamorati...

“In veste lilla su una sponda di eriche
ti vidi reclina su verdi aiole e agrifogli,
alla pallida luce lunare che scemava
sui visi cangianti delle rose e sui levati boccioli d'agata cremisi.
E sul tuo viso fatto di belle fattezze ed occhi di sogno.
Fu il Fato, il cui secondo nome è Amore,
che in quella notte di Luglio e foschia,
ad arrestarmi dinanzi a quel magico verziere,
a respirare la mirra dei miti loti addormentati.
L'ignavo mondo era perduto nel sonno,
al di fuori di me e di te.
E in quella notte d'afosa Estate di gigli scarlatti e magnolie sopite, m'arrestai a guardarti,
a riconoscerti in quella culla di lavanda e zagare d'Ischia, così che il mondo scomparve.
Allora mi guardasti e spegnesi una ad una
le stelle raminghe ed il perlaceo lume lunare,
aprendo sentieri notturni e tortuosi, sponde muscose ed i lieti fiori di alberi gementi.
E tutto il profumo del serico argento di petali e spine si perse fra le braccia dell'aria innamorata, di te oh Maria.”
https://www.tuttogreen.it/wp-content...2283178339.jpg

Destresya 22-07-2018 03.26.47

Ci sono fiori che sbocciano solo di notte, si nutrono della luce lunare e brillano illuminati solo dalle stelle.
Fiori che solo chi ama la notte può comprendere, chi veglia quando il resto del mondo è assopito.
Fiori che non sono per tutti, e forse nemmeno per pochi.
Quelli che gli innamorati si scambiano in segreto, quando nessuno li vede, quando sono stretti in un abbraccio che va oltre ogni barriera, quel fiore a cui dare il nome dell'amata, a cui raccontare di lei, confidando sogni e sospiri.
Quel fiore Maria tiene tra le mani, stringe al petto e posa sul petto del suo amato, perchè un Amore così non conosce confini, limiti o barriere.
Quell'abbraccio annulla il mondo intero e un loro bacio smove cielo e terra.
Non si possono tenere lontane due anime intrecciate, destinate, che si sono riconosciute nella notte, non si possono separare due cuori che hanno un unico battito.
Maria lo sa, mentre riposa beata sul petto di Ordifren, cullata dal battito del cuore di quell'uomo che per il mondo sarà un mostro, ma per lei è il mondo intero.
Lei gioca con quel fiore, e glilelo dona, perdendosi nell'azzuro grigio del suo sguardo, con una pace nel cuore che in pochi possono conoscere.
Perchè la verità è che non esiste donna più fortunata di Maria... e lei lo sa.

Altea 22-07-2018 12.04.37

Milord, che bellissimo e struggente racconto....sembra quasi che Lei, con la sua Bellezza e Animo Puro, apra quel mondo incantato a Lui...come in un "Sogno di una Notte di Mezza Estate".
Ho letto questo pezzo più volte, in queste parole vi sono racchiusi ben due o 3 parole legate al mio nome....il fior di loto e il giglio e poi...Maria.

Sono però della convinzione che il decadentismo e il gotico non è qualcosa legato solo alla notte.....Come appunto disse il grande scrittore decadentista americano Edgar Allan Poe : "Coloro che sognano di giorno sanno molte cose che sfuggono a chi sogna soltanto di notte".
Già perché il lato oscuro, il negativo è visto come la tenebra da molti e per questo legato alla notte.."dark" in inglese ovvero "Buio".
Ma il buio si vive pure di giorno ma è più affascinante di notte ovviamente.
Grazie milord.........d' altronde sapete questo Ordifren in veste romantica e misteriosa un po' vi rispecchia....peccato lui abbia perso il romanticismo poi.;)

Guisgard 23-07-2018 16.48.49

Lady Destresya: Che meraviglioso ritratto avete offerto di Maria.
Sembra davvero che ella si animi nella forma disegnata dalle vostre bellissime parole.

Lady Altea: Vedete, Ordifren non ha perso il romanticismo, anzi.
Direi che il suo animo oscuro ed inquieto è proprio figlio del romanticismo più puro e travolgente, come quello che sussultava nei grandi porti tedeschi dello Sturm und Drang.
Dunque Ordifren non ha perso il romanticismo, ma solo l'anima :silenced:

Altea 23-07-2018 16.57.10

Citazione:

Originalmente inviato da Guisgard (Messaggio 122657)
Lady Altea: Vedete, Ordifren non ha perso il romanticismo, anzi.
Direi che il tuo animo oscuro ed inquieto è proprio figlio del romanticismo più puro e travolgente, come quello che sussultava nei grandi porti tedeschi dello Sturm und Drang.
Dunque Ordifren non ha perso il romanticismo, ma solo l'anima :silenced:

Uno scoop...ma devo confessarvi questo Ordifren tormentato ha un suo fascino e peccato sia diventato un animo senza sentimento.

Guisgard 23-07-2018 17.08.35

Lady Altea, se il suo fosse un animo senza sentimento non potrebbe scrivere versi d'Amore per la sua Maria, no?
Anche le persone malvagie possono amare i propri cari.
Hitler amava alla follia Eva Braun e Stalin provava un profondo amore verso sua figlia, eppure di umano entrambi non avevano nulla.
Amare i propri affetti, le proprie passioni non rendono un uomo buono, se poi sia odia il mondo intero ed i suoi più alti principi e valori :smile:


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 11.48.58.

Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright © 1998 - 2015 Massimiliano Tenerelli
Creative Commons License