Camelot, la patria della cavalleria

Camelot, la patria della cavalleria (http://www.camelot-irc.org/forum/index.php)
-   Terre lontane (http://www.camelot-irc.org/forum/forumdisplay.php?f=26)
-   -   L'isola dei mandorli perennemente in fiore (http://www.camelot-irc.org/forum/showthread.php?t=2604)

Lady Gwen 22-10-2021 23.24.58

Respirai a fondo, perchè metteva davvero alla prova la mia pazienza.
Lo seguii quando proseguimmo per un po' di palazzi e disse che lì viveva la sua padrona.
"Crudele da parte tua approfittare, ma geniale" ammisi.
Vidi allora di entrare, facendomi guidare da Lovercraft, pronta per fare la mia parte.

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

Guisgard 22-10-2021 23.40.16

Lovercraft guidò Gwen attraverso un vialetto, fino alla villa della sua ex padrona.
"Ora non ti resta che bussare, poi comincia lo show." Disse il furbo gatto.

Lady Gwen 22-10-2021 23.42.34

Roteai gli occhi, mentre attraversavo il vialetto e bussavo alla porta.
Non avevo mai fatto una cosa simile, ma a quanto pareva stavo facendo tante cose nuove, oggi.
E sarebbe stato così finché fossi stata sulla Terra.
Ma del resto, era per un bene superiore.

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

Guisgard 22-10-2021 23.57.03

Venne ad aprire una cameriera.
"Prego." Disse a Gwen. "Cosa desidera?" Guardando poi il gatto. "Oh, ma questo è Lovercraft!" Esclamò.

Lady Gwen 22-10-2021 23.58.39

Mi aprì quella che sembrava essere la cameriera.
"L'ho ritrovato ed ho pensato di accompagnarlo qui. La vostra padrona è in casa?" con tono gentile ed un sorriso, stringendo affettuosamente Lovercraft fra le braccia.

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

Destresya 23-10-2021 00.24.15

Avevo sempre saputo che qualcosa non andava in me.
Lo vedevo nel modo in cui mi guardavano i miei genitori affidatari, e in particolari l’insopportabile vecchia, Zia Irina, che ogni volta che si presentava alla casa famiglia non faceva altro che insultarmi.
Non che me ne fosse mai fregato niente, sia chiaro.
Ma c’era qualcosa, qualcosa che non quadrava in quelle loro parole.
Perché con i miei fratelli non si comportavano così?
Intendiamoci, non è che non li insultassero, ma usavano degli insulti diversi, degli appellativi meno coloriti, o perlomeno meno evocativi.
La verità è che ho sempre voluto saperne di più, sentivo che dentro di me c’era qualcosa, qualcosa di segreto, di nascosto e bramavo più di ogni altra cosa far luce su quel mistero.
Ecco perché passavo tutto il mio tempo libero in biblioteca.
Oltre al fatto che mi permetteva di imparare un sacco di cose su tutto e che nessuno poteva rimproverarmi perché (a quanto ne sapevano loro) ero lì per fare i compiti di scuola e studiare.
Puoi mai rimproverare una ragazzina che non fa altro che studiare?
(Sì, lo facevano lo stesso, ma dovevano contenersi perché infondo sapevano anche loro di essere dalla parte del torto.
La Libera Biblioteca Civica di Uaaropolis era il mio regno. Mi aggiravo tra gli scaffali come una regina tra le stanze del suo palazzo, accarezzando i volumi, ognuno dei quali poteva essere mio, uno a uno, senza limitazione alcuna. Lì non valeva l’autorità di Mother Tatalh, non valevano le sue regole, ma solo le mie. E in quelle pagine polverose, dove mi immergevo per pomeriggi interi, trovavo cose che non mi sarei mai immaginata, cose che nessuno mi raccontava a scuola, cose che erano ormai sepolte dalla coltre del tempo.
Avevo anche fatto amicizia con la bibliotecaria, una simpaticissima signora che mi aveva preso in simpatia, anche se non ho mai capito bene perché. Mi guardava in un modo strano anche lei, anche se completamente opposto rispetto ai miei “genitori”, un modo dolce e protettivo.
Forse fu proprio per questo che mi permise di andare a curiosare nella sezione proibita, un giorno in cui non c’era nessuno, e poi un altro, e un altro ancora.
Era un pomeriggio di marzo, uno di quelli in cui la primavera comincia a fare capolino dolcemente dai vetri, invitandoti a lasciare i libri e andare a passeggiare in giardino.
Ancora ricordo quando quella traccia era arrivata nelle mie mani, quando avevo letto quel nome, quella parola sussurrata, che aveva contorni sinistri e oscuri, che veniva però pronunciato con timore.
Ancora sorrido se ripenso a quante cose siano cambiate da allora.

Il treno avanzava lento mentre il panorama mutava rapidamente intorno a me.
Mi sembrava di essermi assopita un secondo eppure qui era tutto diverso, la grande città aveva lasciato il posto a sterminate foreste, a casupole sperdute l’uno dall’altra e tutto attorno a me aleggiava un’aria spettrale.
Sì, non che i Carpazi avessero mai avuto la nomea di luogo esotico, soleggiato e di villeggiatura, eppure era qui che conduceva tutto, qui aveva origine ogni cosa.
E io dovevo sapere, dovevo scoprire la verità sulle mie origini.
La voce metallica annuncia la mia fermata mentre sono ancora assorta nei miei pensieri, così devo raccogliere tutto in fretta e furia e scendere di corsa.
Sono intenta a non inciampare e solo per questo non lo vedo subito, ma è una frazione di secondo, perché poi alzo gli occhi.
Eccolo lì, imponente, sinistro, qualcuno dice persino maledetto, infestato da demoni e da fantasmi.
Il Castello della Cruna del Lago.
Si ergeva sopra la collina, da cui dominava tutta la valle. Per sette secoli era stata la dimora dei signori della valle, i Thritbeth una famiglia la cui nobiltà affondava le radici addirittura ai tempi agli albori del tempo, e che si diceva avesse una predilezione per le arti magiche.
Erano mesi ormai che non facevo altro che documentarmi su di loro, libri, testimonianze proibite.
Già, proibite. Perché quando Uaarania aveva preso il potere aveva voluto cancellare ogni singola traccia di nobiltà, compresi naturalmente i signori della Cruna del Lago.


La voce del taxista mi scosse da quei ricordi e mi riportò bruscamente al presente.
Un presente in cui le cose erano molto diverse da allora.
Io ero diversa, e quasi mi faceva pena quella piccola ragazzina spaventata ma tanto determinata che era andata a cercare risposte in quel castello lontano.
Lo sapevo, oh eccome se lo sapevo.
Ora quel castello mi apparteneva, così come mi apparteneva ogni cosa che volessi.
E io appartenevo a Lui.
Per quello ero qui, a New Chase City, e mi dirigevo a passo spedito verso il Museo di Storia Religiosa.
Com’ero diversa da quella ragazzina senza passato e senza futuro che aveva varcato le porte del castello.
Una vetrina rifletté la mia immagine e mi strappò un sorriso.
Se mi fossi guardata allora non mi sarei riconosciuta.
Lui era lì, accanto a me, dentro di me, sempre.
Quel potere sconfinato non mi lasciava mai, e mi guidava sempre.
“Andiamo a riprenderci anche questo pezzettino di noi!” sussurrai alla mia immagine riflessa.
Era vicino, lo sentivo, lo percepivo, e anche questo piccolo tassello del puzzle sarebbe diventato mio.
D’altronde, ero diventata la massima esperta dei Thritbeth mica per niente, i miei lunghi studi in storia, storia dell’arte e le numerose specializzazioni servivano unicamente a quello scopo.
La vendetta.
Arrivai davanti al museo senza quasi accorgermene, alzando poi lo sguardo per osservarne la facciata.
Sentivo la reliquia chiamarmi, bruciarmi dentro.
Lo sentivo dentro di me impaziente di riaverla.
Così varcai la soglia, ed entrai nel museo.
“Sono la dottoressa Destresya Reign, mi stanno aspettando!” sentenziai, rivolta a un addetto della portineria, mentre riponevo gli occhiali da sole nella borsetta.

https://static-ca-cdn.eporner.com/ga...2_296x1000.jpg

Guisgard 25-10-2021 15.44.12

"Si prego, si accomodi." Disse la cameriera a Gwen, invitandola ad entrare in casa, mentre Lovercraft faceva eco alle parole della sacerdotessa con un lento miagolio.
La ragazza e il gatto furono così lasciati ad attendere in un ampio salone, nel quale arrivò dopo qualche minuto la padrona di casa con aria teatrale e ansiosa.
"Oh... il mio gattino!" Raggiungendo Gwen e prendendo il gatto fra le braccia. "Cattivone!" Stringendolo a sè. "Non farmi più prendere un simile spavento!" Ridendo sollevata. "Chi è lei, ragazza?" Poi a Gwen. "Devo a lei il ritorno del mio Lovercgraft?"




"Buongiorno, dottoressa." Disse il custode del museo a Destresia, per poi lanciarle un lungo sguardo lascivo e interessato quando la giovane donna si avviò verso il suo ufficio.
Qui il direttore del museo le aveva fatto trovare sulla scrivania i fascicoli e i documenti da lei richiesti, circa una nuova serie di reperti paleocristiani giunti da poco.
Tra quei fascicoli c'era anche catalogato ciò che lei cercava: la Croce di Clodoveo.
Si trattava di un antichissimo monile, risalente ai secoli bui del Medioevo ma mai davvero datato con certezza, di origine certamente germanica e raffigurante una Croce d'oro e gemmata che secondo la tradizione Clodoveo finse di donare all'arcidiavolo Malabolgia in cambio della prima cattedrale Cristiana del regno Franco.
Non avendo ricevuto la sacra Croce, Malabolgia maledì i Merovingi, rendendoli dopo Clodoveo la dinastia più miserabile della storia e da cui non sarebbe mai disceso nessun grande uomo.

Lady Gwen 25-10-2021 15.48.50

Annuii ed entrai in un salone grande ed elegante.
Aveva una bella faccia tosta il gatto a lamentarsi.
Appena un attimo dopo arrivò la donna, che mi prese Lovercraft dalle braccia.
"In effetti sì, ho scoperto che lo stavate cercando e sono venuta a riportarvelo" sorridendo.

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

Guisgard 25-10-2021 15.57.53

"Oh, che cara ragazza..." disse sinceramente la donna a Gwen, con quel suo modo di fare a metà fra la pinguedine e il teatrale "... ma allora lei merita il mio riconoscimento e una ricompensa!"

Lady Gwen 25-10-2021 16.07.27

"Oh, ma ci mancherebbe! Non vorrei assolutamente disturbare e approfittare della vostra gentilezza, proprio ora che sono appena arrivata in città, sapete..." con un sorriso mortificato.
Non sapevo se stavo andando bene oppure no, ma mi sarei impegnata.

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 19.53.09.

Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright © 1998 - 2015 Massimiliano Tenerelli
Creative Commons License