Camelot, la patria della cavalleria

Camelot, la patria della cavalleria (http://www.camelot-irc.org/forum/index.php)
-   La taverna di Camelot (http://www.camelot-irc.org/forum/forumdisplay.php?f=2)
-   -   La lega della Felce Nera (http://www.camelot-irc.org/forum/showthread.php?t=2603)

Guisgard 01-09-2021 16.49.02

La lega della Felce Nera
 
LA LEGA DELLA FELCE NERA


“Ecco, il malvagio concepisce ingiustizia,
è gravido di cattiveria, partorisce menzogna.”

(Salmo 7)

<<Felce di luoghi silenti e sogni intorpiditi,
fiore del mistero e dell'oblio di un castello semichiuso, le cui torri si perdono nelle nuvole che passano, arrossando l'ultimo crepuscolo d'Estate.>>
(Chretien de Loff, “Il fiore del mistero”.)





Nella felice e amena Afragolignone, dove ad Ovest scorreva placido il corso del Lagno e ad Est si estendeva la selvaggia e misteriosa brughiera, sorgeva improvviso e fantastico il bosco di Suession.
Querce frondose, robusti olmi ed alti noci si inerpicavano verso l'alto, con i loro lunghi ed intricati rami che in danze immaginarie tendevano al cielo come perdute divinità ammutolite dall'unica Fede. Antiche rovine, di un'epoca remota e dimenticata, giacevano silenti fra dossi ammantati di bacche ed agrifogli, tutt'uno con quel paesaggio vasto e tortuoso, dove miti e leggende riposano mai dome fra i crepuscoli dormienti.
Oltre queste felici selve sorgeva l'antica città di Suession, un tempo conosciuta come Akeru, avvolta da un'atmosfera sognante e nebulosa. Alcuni raccontavano che tale luogo fosse stato stregato da una potente strega appena dopo la sua fondazione, altri invece giuravano che un alchimista l'avesse maledetta con i suoi innaturali e sacrileghi esperimenti. Al di là di ciò a molti pareva che questo luogo fosse ancora sotto l'influsso di una qualche magia, capace di tenere sotto scacco le menti della povera e brava gente di queste contrade. Essi infatti credono ad ogni sorta di tradizione o diceria, molti dei quali sarebbero pronti persino a giurare di aver visto oscure ed indicibili visioni, o di aver udito ogni sorta di voci ed ogni genere di musica nell'aria. Tutto dunque in queste terre abbonda di storie fantastiche o racconti crepuscolari.
E proprio su un verde e stretto sentiero che tagliava il sottobosco, due goffe figure avanzavano sotto il primo Sole di Settembre.
Una appariva come i villani del posto, grossa e tozza, vestita di pelli, stretti calzoni e calzari stretti da lacci fino al polpaccio.
L'altra invece era simile ai mendicanti non rari in questi luoghi, con indosso un lungo e logoro mantello, dai piedi scalzi e un buffo cappello sul capo.
Discutevano di una strana faccenda, udita nella locanda da poco lasciata, in cui due lestofanti destinati alla forca erano scappati senza che nessuno ne comprendesse il modo.
Come poi spesso accade in tali situazioni, dove manca la conoscenza dei fatti ecco che sovente giunge il folclore, l'impensabile e la stupidità.
Così almeno affermava il grosso villano, ammonendo il mendicante di non indugiare oltre nel considerare tali voci, essendo quelli in cui vivevano tempi difficili, dove ogni parola è pesata dalle autorità.
Il mendicante, di contro, ribadiva che quelle erano le parole udite nella locanda e che di certo coloro che le avevano professate non erano sembrati folli o sciocchi.
“Pare invero” disse il mendicante “che i due lestofanti non fossero soli la scorsa notte alla gogna. A giurare ciò sono stati addirittura alcuni soldati di sua eccellenza lo sceriffo di Suession. Mi pare perciò di non poter negare ciò che affermano invece con forza uomini d'armi, non certo avvezzi a temere uomini o spettri.”
“E cosa avrebbero visto quei soldati vicino alla gogna?” Chiese poco convinto il villano.
“Pare un grosso lupo, dalle fauci spalancate, gli occhi come tizzoni ardenti ed un pelo fulvo e crespo. Invero solo Cerbero, il cane degli inferi, potrebbe apparire così a noi mortali.” Facendosi il Segno della Croce. “Fatto sta che dopo l'ululato di quella spaventosa belva, i due lestofanti erano spariti, con la gogna senza più alcuna testa bloccata fra le sue assi.”
“Mi pare chiaro che un loro complice” ipotizzò il villano “abbia usato il suo fedele cane per spaventare i soldati e liberare così i due compari.”
“Dici?” Fissandolo il mendicante. “Eppure nessuno ha visto alcuno avvicinarsi alla gogna, inoltre il cane pare sia scomparso nel nulla, come i due marrani che erano in attesa del patibolo.”
“La gente nelle locande beve troppo e parla anche di più.” Osservò il villano. “Un vinello leggero e una donna facile rendono una serata al tavolo parecchio fantasiosa.”
In quel momento i due sentirono dei cavalli avvicinarsi.
Videro allora un nobile drappello uscire dalla boscaglia.
Esso era guidato da tre uomini, due dei quali cavalieri, ingentiliti da sfarzose divise di lamè e ricoperti da armi damascate recanti lo stemma dei Taddei.
L'altro invece appariva abbigliato come un alto prelato, con il suo mantello foderato alla moda di Normandia e ingentilito da un'ampia pelliccia d'ermellino sulle spalle.
Al collo gli pendeva un pesante Crocifisso in oro e gemmato.
In breve quegli uomini raggiunsero i due sul sentiero ed il chierico li interrogò:
“Bravi figlioli, ditemi... è lontana Suession da questo bosco?”
“Monsignore, non più di tre leghe buone.” Rispose il villano. “Di certo i vostri palafreni sapranno giungervi con passo svelto prima del tramonto.”
“E ditemi ancora, amici miei...” ancora il chierico “... è in questo distretto avvenuta la faccenda dei due evasi?”
“Oh, non si possono dire evasi, monsignore.” Lesto il mendicante.
“Cosa intendi, figliolo?”
“Monsignore, evasi sono coloro che fuggono...” rispose il mendicante “... ma qui tutti giurano di non averli veduti scappare dalla gogna.”
“Ti prendi gioco di noi, cane?” Uno dei cavalieri.
“Non potrei esser tanto stolto da pensarlo, milord!”
“Allora spiegati bene o ti infilzo come un tordo, bestia!” Minacciò il cavaliere.
“Mi sia testimone San Rocco, messere, che racconto solo quanto udito in giro!”
“Allora sarai stato ingannato da tali dicerie, figliolo.” Mormorò il chierico.
“Oh si, lui è tonto ed ignorante, monsignore.” Il villano al chierico, indicando il mendicante.
“Di cosa erano accusati i due lestofanti?” Fissandoli il religioso.
“Di eresia mi pare, monsignore.” Il villano grattandosi il grugno.
“Oh, in realtà molto di più, sembra, monsignore.” Sorridendo il villano.
“Ossia?” Il chierico con tono severo.
“Pare, o così almeno raccontano, monsignore, che i due felloni si intrattenessero spesso con una donna di malaffare...”
“E questo, pur essendo un peccato e una colpa, meritò loro la gogna?” Perplesso il chierico. “Sono delitti dell'anima e richiedono orazioni e digiuni per riceverne il perdono.”
“Oh, monsignore, ma voi dite questo perchè la Grazia Divina vi rende alieno al male e alle cattive intenzioni...” gesticolando il mendicante “... ma sappiate, con licenza per il vostro abito e rispetto alla vostra morale, che quella donna non usava solo prostituirsi, ma pare che venerasse il diavolo in persona.” Facendosi il Segno della Croce.
Gli uomini a cavallo non badarono più ai due, spronarono i cavalli e ripresero il cammino, diretti a Suessuion, che dopo un po' apparve sognante ed incantata sulle acque calme del Lagno.
https://www.zingarate.com/pictures/2.../bruges_3.jpeg






+++

Lady Gwen 01-09-2021 20.54.20

Molti avrebbero detto che la vita degli aristocratici poteva essere vuota, effimera, piena di nulla e forse avevano ragione.
Ma avremmo mentito, se non avessimo detto che vi erano molti modi per rendere questa vita piena e soddisfacente, o almeno un po' più impegnata, se non volevamo esagerare nell'enfasi.
Era passato già un anno da quando avevo istituito un salotto culturale, in prevalenza artistico, nella mia residenza.
Per essere più precisi, nell'elegante Casino che si trovava nell'ampio parco della stessa dimora, che attraversavo a cavallo o più semplicemente passeggiando.
La nobiltà dava indubbi vantaggi, nonché il possedere il discreto contado in cui vivevo, a metà fra la città e la campagna, per avere le comodità e gli svaghi dell'una e dell'altra.
Il mio circolo era stato fin da subito apprezzato, complice la notevole biblioteca che mettevo a disposizione di rinomati intellettuali, scrittori, artisti e personalità colte d'ogni tipo, quando invece unicamente aristocratici che desideravano più semplicemente arricchire la loro cultura ed erano sempre i benvenuti.
Trovavo che fosse un modo quanto mai notevole per impiegare le proprie risorse ed il proprio tempo ed anche in quel momento, intrattenendomi in discussioni di un certo rilievo col fitto pubblico del salotto, mi sentivo enormemente soddisfatta, mentre il Sole morente incendiava le pareti candide, impreziosite da stucchi arditi e grandi dipinti realizzati col gusto vigente.https://uploads.tapatalk-cdn.com/202...4cc3a3058b.gif

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

Guisgard 02-09-2021 01.22.35

Il Sole tendeva a baciare l'Occidente, irradiando con i suoi raggi quell'angolo di cielo in una gloria di nuvole dorate.
La campagna si tingeva così di un rosato sbiadito, candido e ovattato.
Ad un tratto la giovane Nioia, la servetta di palazzo, avvertì Gwen di un drappello di nobili signori passato appena prima per quei campi.
"Uno di loro sembrava un principe." Disse la giovane a Gwen. "Oh, ma un principe della Chiesa, madamigella. Aveva infatti un bellissimo e grosso Crocifisso d'oro e tempestate di gemme al collo." La piccola pettegola. "E a seguirlo vi erano poi degli aristoratici cavalieri in divisa, madamigella." Annuendo. "Forse sono qui per la storia di quegli evasi scomparsi nel nulla. A Suession infatti, mi ha detto Matt lo stalliere, non si parla d'altro." Fissandola.

Lady Gwen 02-09-2021 01.28.44

Ero persa nei miei pensieri, a guardare il tramonto oltre le volute di fumo della sigaretta, quando sentii Nioia, la mia domestica, riferirmi l'arrivo di un drappello di persone più che rispettabili.
"Sì, ho sentito di quel fattaccio avvenuto in città, davvero una strana storia, che sicuramente avrà già fatto nascere superstizione e dubbie voci..." scuotendo appena la testa.
"Sarei davvero curiosa di scoprire cosa vanno cercando e come mai si siano disturbati a tal punto. Del resto, non ci sarebbe stata necessità, se fosse stato un fatto di poco conto."

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

Guisgard 02-09-2021 01.36.18

"Pare, damigella, che sia stato il vescovo stesso ad inviare quegli uomini." Disse Nioia a Gwen. "Matt ha sentito questa notizia alla locanda. Molti parlano di strani fatti, persino di un grosso lupo infernale corso a liberare i due lestofanti. Insomma, non vorrei dirlo, ma parecchi credono ci sia lo zampino del demonio. O chissà, di qualche antica maledizione posta su Suession secoli fa." Con tono teatrale la giovane pettegola.

Lady Gwen 02-09-2021 01.42.23

Ascoltai la storia del demonio e tutto il resto, alzando gli occhi in su.
"Nioia, sai che non amo tali farneticazioni popolari, per carità..." commenti laconica, spegnendo la sigaretta e riponendo il bocchino nell'elegante custodia in legno smaltato.
"Essendo dei lestofanti, avranno certamente trovato un modo per approfittare della situazione e sfuggire alla legge, come ogni criminale che si rispetti. Ed il vescovo di sicuro vuole mettere a tacere tali assurdità superstiziose."

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

Guisgard 02-09-2021 01.46.31

Nioia sorrise ed annuì a Gwen, non tanto per convinzione, ma piuttosto come chi per rispetto accetta la volontà di chi le è superiore per nascita.
Poco dopo Stevar, il vecchio maggiordomo di palazzo, venne ad annunciare a Gwen l'arrivo del borgomastro Belvon e di sua moglie, assidui frequentatori del circolo culturale della padrona di casa.

Lady Gwen 02-09-2021 01.53.55

Nioia non insistette più con quelle assurdità e poco dopo il mio maggiordomo, Stevar, mi avvisò di una visita molto gradita.
Il borgomastro e consorte.
"Ma certo, falli accomodare entrambi" dissi, alzandomi per andar loro incontro.

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk

Guisgard 02-09-2021 02.06.26

Il borgomastro Belvon era un uomo biondo e robusto, dalla parlantina decisa e vivace, il carattere focoso ed i modi spicci.
Sua moglie invece era una rispettabile dama del tempo, educata e pacata, senza grilli per la testa.
Gwen li ricevette nel salone e fece servire loro del tè con pasticcini.
"Madamigella, siamo qui perchè vorrei che mi consigliaste altre letture." Disse la moglie di Belvon. "Quei libri da voi suggeriti sono stati davero una sorpresa." Bevendo il tè.
"Io invece temo che a breve qui a Suession vorrano leggere bestiari medioevali." Divertito il borgomastro. "Con la storia dell'evasione molti vedono già un mostro o una misteriosa bestia in questi nostri boschi." Deridendo quel genere di credenze.

Lady Gwen 02-09-2021 02.14.53

Erano una strana coppia, i coniugi appena giunti.
Lui dal carattere dirompente, lei oltremodo pacata.
Davvero curioso osservarli insieme.
"Ma naturalmente. Tutti i libri sono a vostra completa disposizione, colta e sensibile come siete troverete qualcosa di vostro gradimento" sorridendo, mentre prendevo un sorso di tè.
Ridacchiai poi alle parole di Belvon.
"Avete ragione, purtroppo. Temo stiano dando un po' tutti di matto, in questi giorni" sospirando "Proprio ora sono stata avvisata dell'arrivo della delegazione del vescovo a tal proposito. Cosa sapete dirmi?"https://uploads.tapatalk-cdn.com/202...c3cab1f69e.gif

Inviato dal mio Redmi Note 5 utilizzando Tapatalk


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 18.46.36.

Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright © 1998 - 2015 Massimiliano Tenerelli
Creative Commons License