Camelot, la patria della cavalleria

Camelot, la patria della cavalleria (http://www.camelot-irc.org/forum/index.php)
-   Il palazzo delle arti (http://www.camelot-irc.org/forum/forumdisplay.php?f=17)
-   -   Passaggi, poesie, testi (http://www.camelot-irc.org/forum/showthread.php?t=65)

KingArthur 27-04-2008 12.03.08

Complimenti a tutti per i bellissimi testi, ringrazio in particolar modo milady Hrist per l'omaggio davvero molto gradito

Hrist 27-04-2008 12.15.37

sono io che devo ringraziare Voi Sire per la Vostra fin troppo benevola accoglienza a Camelot
questo era solo un modo per renderVi omaggio e mostrarVi la mia felicità per essere fra Voi

felice di vederVi :smile_lol:


Hrist la Valchiria

Hrist 27-04-2008 12.25.44

un'altra ballata delle mie terre per chi sà apprezzarLa
è di struggente malinconia per un tempo che fu e per la vittoria di chi non per merito ma per sostanze conquista questo mondo

Hrist la Valchiria

SULLE SCOGLIERE DI MARMO
SULLE SCOGLIERE DI MARMO IL SOLE RIFLETTE DIAMANTI E IL MARE SCANDISCE RITMI GIOIOSI.
SULLE SCOGLIERE DI MARMO UN PESCATORE NON PARLA
TRA LE SUE RUGHE UN SORRISO ALLA VITA.
MA NELLA FORESTA SCURA
S'INSEDIO' IL FORESTARO
TRAMANDO CONTRO IL REGNO DEI SAGGI.
SULLE SCOGLIERE DI MARMO LA STIRPE GUERRIERA DISCENDE
DALLA VIRTU' DI FIERI ANTENATI
DI NOTTE LA LUNA ASSISTE RIDENDO AI BACI FUGGEVOLI
DI AMANTI SOLI NELLA BRUGHIERA.
MA IL MALE SI INSINUO'
E L'ODIO SI DIFFUSE
DIVIDENDO GLI UOMINI IN LOTTE CIVILI.
MA NEI MOMENTI DI GRANDE PAURA TRA SGUARDI CONFUSI
SEMPRE RISPLENDE L' AMORE E IL CORAGGIO
E POCHI UOMINI DI GRANDE VALORE E VIRTU' SI RIUNIRONO
PER LIBERARE LE SCOGLIERE DI MARMO
MA LE SCOGLIERE BRILLARONO
DI ROSSO FUOCO E DI ODIO
SOTTO LE TENEBRE NERE ED ATROCI
E TRA I LATRATI DEI CANI
TRA SCHELETRI APPESI AGLI ALBERI
IL FORESTARO DIVENNE IL PADRONE.

Morris 28-04-2008 22.56.52

Bella!! Lady Hrist, complimenti!

Hrist 28-04-2008 23.04.35

Grazie Messere Morris
è una delle mie preferite
forse un pò triste è vero, ma anche piena di forza
felice l'abbia apprezzata

Hrist la Valchiria

Morris 28-04-2008 23.16.41

http://www.kamelot.com/images/gallery/coverstories.jpg

Band: Kamelot
Disco: The Fourth Legacy
Titolo originale: Until Kingdom Come
Titolo tradotto: Finchè Il Regno Non Giunge


Lei appare nel buio della notte
Posso vedere che sta tentando
Di spostare la fonte delle mie paure
La cerco ovunque

In questo sogno lei mi mostrerà la porta
Di una nuova rivelazione
Ed io so che l’ho vista prima
Che mi porterà la salvezza

Io ricordo quando lei era ancora viva
Sempre lì al mio fianco
Ogni giorno è una lotta per sopravvivere
Ogni minuto una memoria distrutta

Come il brillante sole su di me
Come la brezza sull’oceano
Tu sei il sentiero del mio destino
Io so che tu mi cercherai finchè il regno non giunge

Quando io guardo di notte dalla torre
Verso orizzonti sfumati
Posso vedere la sua ombra nel crepuscolo
Vestita d’argento, sta ballando

Io ricordo come se questo fosse oggi
Sempre lì al mio fianco
Sei la ragione, e mi conforti per mio dolore
E un giorno ci riuniremo

Come il brillante sole su di me
Come la brezza sull’oceano
Tu sei il sentiero del mio destino
Io so che tu mi cercherai finchè il regno non giunge
Come il brillante sole su di me
Come la brezza sull’oceano
Tu sei il sentiero del mio destino
Seguirò il mio cuore finchè il regno non giunge

Hrist 28-04-2008 23.19.04

:smile_clap: :smile_clap: :smile_clap:
è veramente bellissima Messere Morris
un plauso sincero

Hrist la Valchiria

Morris 28-04-2008 23.32.57

Questa è la storia che vi stavo raccontando!!!!!
Grazie!

Hrist 28-04-2008 23.41.20

anch'io vorrei provare a raccontarvene una Messere
non è altrettanto bella come la Vostra ma spero Vi piaccia




Canto Di Un Cavaliere Errante

Sul mio destriero,
fra terre lontane,
amore nel cuore con me resterà.
Di cielo il tuo sguardo,
di ciliegio il tuo labbro,
oh mia sposa, fedel ti sarò.
La spada al mio fianco,
sull’elsa il tuo nastro,
la notte straniera più dolce sarà

per tetto le stelle,
per giaciglio le foglie,
per sogno le grazie di te.

E nel mio vagare
fuori dal mio reame
un senso alla vita guerriera darò,
per fede brandire
di morte la lama,
più gloria la suo nome verrà
e noi cavalieri
fedeli d’amore
per il Re e per Iddio sapremo pugnar.

Il sorriso sul volto
e la pace nel cuore
in battaglia col nostro signore.

Nel salvifico errare
il sacro desio
lucente nell’armi accrescer dovrò
e per nostra ebbrezza,
per antico decreto
il nettar segreto berrò.

E tu acerba sposa
anzi tempo solinga
attendi serena che torni il tuo Re

con gloria ed onore,
con febbre d’amore,
con tunica leggera ormai,

con gloria ed onore,
con febbre d’amore,
o che mai più io torni da te.

Morris 28-04-2008 23.47.19

http://www.fioridimontagna.it/it/ima...oncorso_02.jpg BELLISSIMA! SONO PER VOI!


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 23.27.24.

Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright © 1998 - 2015 Massimiliano Tenerelli
Creative Commons License